๐”ป๐•–๐•ก๐•ฃ๐•–๐•ค๐•ค๐•š๐• ๐•Ÿ๐•– ๐•”๐• ๐•ž๐•– ๐•ก๐•’๐•ฃ๐•ฅ๐•– ๐••๐•–๐•๐•’๐•–๐•ค๐•š๐•ค๐•ฅ๐•–๐•Ÿ๐•ซ๐•’

 


๐‘ซ๐’Š๐’Ž๐’†๐’๐’•๐’Š๐’„๐’‚๐’“๐’† ๐’Š๐’ ๐’‘๐’“๐’๐’‘๐’“๐’Š๐’ ๐’„๐’๐’“๐’‘๐’;
๐’‚๐’—๐’†๐’“๐’† ๐’๐’‚ ๐’๐’Š๐’ƒ๐’†๐’“๐’•๐’‚̀ ๐’…๐’Š ๐’†๐’”๐’”๐’†๐’“๐’† ๐’Š๐’๐’„๐’๐’”๐’„๐’Š๐’†๐’๐’•๐’Š,
๐’–๐’ ๐’“๐’Š๐’‡๐’–๐’ˆ๐’Š๐’ ๐’…๐’Š ๐’๐’‚๐’ˆ๐’ ๐’…๐’Š๐’Ž๐’†๐’๐’•๐’Š๐’„๐’‚๐’•๐’,
๐’“๐’Š๐’”๐’•๐’‚๐’ˆ๐’๐’‚๐’๐’•๐’† ๐’•๐’“๐’‚ ๐’ˆ๐’๐’Š ๐’‚๐’๐’ƒ๐’†๐’“๐’Š ๐’‡๐’“๐’๐’๐’…๐’๐’”๐’Š, ๐’๐’†๐’๐’๐’† ๐’—๐’‚๐’”๐’•๐’† ๐’…๐’Š๐’”๐’•๐’‚๐’๐’›๐’† ๐’…๐’†๐’๐’๐’† ๐’‡๐’๐’“๐’†๐’”๐’•๐’†.
๐‘ผ๐’๐’‚ ๐’“๐’†๐’”๐’‘๐’Š๐’“๐’‚๐’›๐’Š๐’๐’๐’† ๐’‚๐’‘๐’‘๐’†๐’๐’‚ ๐’‚๐’„๐’„๐’†๐’๐’๐’‚๐’•๐’‚ ๐’…๐’‚ ๐’‡๐’–๐’๐’“๐’Š, ๐’–๐’๐’‚ ๐’Ž๐’๐’“๐’•๐’† ๐’๐’Š๐’†๐’—๐’† ๐’…๐’‚๐’๐’๐’‚ ๐’’๐’–๐’‚๐’๐’† ๐’„๐’Š ๐’”๐’Š ๐’”๐’—๐’†๐’ˆ๐’๐’Š๐’‚ ๐’„๐’๐’ ๐’๐’๐’”๐’•๐’‚๐’๐’ˆ๐’Š๐’‚ ๐’† ๐’‡๐’“๐’†๐’”๐’„๐’‰๐’†๐’›๐’›๐’‚, ๐’–๐’ ๐’„๐’†๐’…๐’†๐’“๐’† ๐’…๐’†๐’Š ๐’•๐’†๐’”๐’”๐’–๐’•๐’Š ๐’‚๐’ ๐’Ž๐’‚๐’”๐’”๐’‚๐’ˆ๐’ˆ๐’Š๐’ ๐’…๐’†๐’๐’’๐’๐’ƒ๐’๐’Š๐’.
F.Pessoa, Il libro dell’inquietudine, parag. 433
Riprendendo in mano il Rosariun Philosophorum, nella parte dedicata all’opera al bianco si parla di depressione come dolore dell’anima, mentre nella parte successiva, l’opera al rosso, si accenna alla depressione dello spirito. La prima forma di depressione, puรฒ essere definita “femminile”, รจ la crisi della relazione, della perdita dell’altro, detta anche anaclitica.
L’accento รจ sul nascere e morire che ha il suo culmine con la morte e rinascita della Regina.
Ma la depressione dello spirito, detta anche maschile, รจ legata alla smarrimento, allo sgretolarsi dall’interno.
Scrive A. Vitale:” (...) quando dolore e smarrimento vengono per svelare senza pietร  il vuoto, ecco che si realizza la situazione paradossale: noi sperimentiamo la morte da vivi e il vuoto senza precipitare; da allora queste esperienze diventano il pensiero dominante, l’eterno compagno della coscienza. Questa probabilitร  di sperimentare morte e vita insieme รจ una situazione propria dell’uomo, forse condanna per la superbia e per il frutto probibito di avere un Io, coscienza e attaccamento a sostegni senza fondamento, ma insieme anche prerogativa esclusiva tra i viventi. La disperata speranza, la crisi impossibile della propria esistenza, la sopravvivenza nella catastrofe, sono i caratteri tragici della depressione, che incide profondamente, scava, sconvolge le fondamenta, ma non uccide; e quando il soggetto puรฒ contemplare la propria sopravvivenza, ecco che la sofferenza si fa conoscenza e questa puรฒ produrre la trasformazione della persona e del mondo, la metanoia.” (Solve coagula,p.206).
L’individuo e l’esistenza dell’intera umanitร  evolve per crisi, come l’universo per una esplosione, morte e dolore sono la chiave della crescita individuale.
Ancora Vitale:
“Il depresso anela al rinnovamento e perciรฒ spesso vuol morire, preso tra un’indicibile confusa nostalgia di un’altra condizione e l’insopportabile presente. In quel vuoto spazio di dolore e di conoscenza, l’informe รจ illimitato spazio-origine di ogni coscienza, che Anassimandro chiama apeiron, informe ma suscitatore di forme, nasce il rinnovamento della vita e la trasformazione dell’essere:dal dolore la conoscenza.” (A. Vitale, Solve coagula, p.207)
Concludo con le parole di Hillman:
“Non ci puรฒ essere nella vita di una persona un fatto piรน potente di una depressione o di una passione amorosa. “
G. Casagrande, Intervista a J.Hillman

Commenti

Post piรน popolari